Iscrizione gratuita riservata solo ai pazienti dello studio – No Spam

ISCRIVETEVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Conservativa

Conservativa

Cura della carie con eliminazione della patologia e ripristino dell’integrità dentale attraverso restauri. In particolare presso la nostra struttura viene effettuata per i restauri più sofisticati sia la tecnica della pressofusione (fusione di blocchi di ceramica che vengono poi lavorati artigianalmente) indicata per associare alla resistenza meccanica il massimo, oppure la tecnica Chairside.

Blocchi di ceramica omogenea prefabbricata industrialmente, sinterizzata e quindi non soggetta a contrazione, di elevata durezza e clinicamente approvata (Vita® o Ivoclar ), privi di metalli, assicurano elevata precisione e riproducibilità con un vero controllo dei processi indicata per sopportare stress biomeccanici elevati.

  • Restauri diretti in materiale composito tecnica tradizionale
  • Restauri indiretti in materiale composito tecnica tradizionale o CAD/CAM
  • Restauri indiretti in materiale ceramico tecnica pressofusione o Chairside
  • Ricostruzione pre-protesica elementi trattati endodonticamente

Come sono fatti gli intarsi e perché vengono fatti?

Un intarsio è un restauro che viene cementato sulla parte masticatoria di un dente premolare o molare. Gli intarsi permettono di salvaguardare la struttura dentale sana rimasta e di ricostruire con ottimi risultati estetici e funzionali anche parti del dente estese. Costituiscono una valida alternativa alle otturazioni in denti danneggiati da carie o usura che tuttavia, non hanno bisogno di essere ricoperti con una capsula.
Un intarsio può essere fatto per varie ragioni:

  • In alternativa ad un’otturazione molto grande, che potrebbe risultare non sufficientemente robusta.
  • Per evitare l’uso dell’amalgama d’argento nelle otturazioni.
  • Quando si voglia ottenere un’otturazione nei denti posteriori con risultato estetico ottimale (intarsio di ceramica o resina).

Di che materiale sono fatti gli intarsi?

Il materiale più adatto al caso sarà scelto in base ad esigenze estetiche, tenendo in considerazione anche il notevole carico masticatorio al quale i denti posteriori sono sottoposti.

Come si fa un intarsio? 

intarsio dentista segrate sidoti tartaglia conservativa

Clicca sulla immagine per ingrandire

Inizialmente il dente viene preparato rimuovendone la parte danneggiata e modellato in maniera tale da poter alloggiare l’intarsio. Un’impronta del dente viene poi rilevata in modo da ottenere un modello dal quale viene costruito l’intarsio.
Se necessario, tra una seduta e l’altra, viene applicato un restauro provvisorio, che sarà tolto per cementare l’intarsio definitivo.